Politica USA: finalmente una buona notizia – MN #112

La parlamentare repubblicana Elise Stefanik, che ha ricevuto il supporto ufficiale di Donald Trump, ha sostituito Liz Cheney, figlia di Dick Cheney, vicepresidente con George Bush junior, quale presidente della House Republican Conference. Si tratta della terza posizione nella scala di potere all’interno della Camera dei Deputati statunitense per quel che riguarda in partito repubblicano.

La House Republican Conference ha il compito di nominare la leadership del partito all’interno della Camera come pure coordinare le attività del partito nelle attività legislative. Questo avvicendamento è molto importante perché segna la caduta di Liz Cheney nella gerarchia politica e apre la porta alla sua estromissione definitiva alle prossime elezioni.

Liz Cheney si è particolarmente impegnata in attività che mettessero in difficoltà Donald Trump quando era in carica come presidente e, in particolare, durante la fase finale dove ha votato a favore del secondo impeachment e dove ha sostenuto la posizione che fosse stato lui a istigare l’assalto al Campidoglio il 6 di gennaio.

Ha continuato a pronunciarsi anche dopo il termine del suo mandato con discorsi pubblici in cui si è impegnata formalmente a fare qualsiasi cosa in suo potere per impedire che Donald Trump possa tornare alla Casa Bianca.

Il Partito Democratico ha espresso solidarietà a Liz Cheney dopo che il partito repubblicano ha votato per rimuoverla dalla sua posizione, un esempio di colossale ipocrisia considerando che suo padre è stato forse il politico più odiato e criticato proprio dal partito Democratico.

I leader repubblicani alla Camera, Kevin McCarthy e Steve Scalise, hanno dichiarato la loro soddisfazione per il cambiamento che apre la porta alla possibilità per i repubblicani di riconquistare la maggioranza alla Camera nel 2022, risultato che sarebbe stato impossibile con Liz Cheney che remava contro.

Elise Stefanik ha invece difeso energicamente Trump in entrambi gli impeachment ed è una dinamica giovane parlamentare eletta nello stato di New York.

Ha chiarito che il ruolo della sua nuova posizione sarà di esprimere le intenzioni della maggioranza del suo partito, che abbraccia ancora una grande porzione di elettori che hanno votato per Trump.

Criticando indirettamente la posizione di Liz Cheney, Elise Stefanik ha chiarito che la presidenza della commissione repubblicana alla Camera non è un posto da cui esprimere le proprie opinioni personali. Inoltre ha dichiarato:

“Voglio anche assicurarmi che non attacchiamo i nostri stessi colleghi parlamentari, il presidente Trump e i suoi sostenitori. Se guardiamo all’elezione di novembre, il presidente Trump ha raccolto più voti di quanti qualsiasi altro candidato repubblicano abbia mai raccolto nella storia della nostra nazione. Quegli elettori costituiscono un elemento critico per la prossima elezione.

So che gli elettori in tutto il Paese vogliono persone che possano tenere testa e lottare per loro conto dicendo chiaro e tondo qual è la posta in gioco”.

La vittoria della Stefanik è stata schiacciante: 134 voti a favore e 46 contro.

Liz Cheney rapresenta la continuazione in parlamento della politica di aggressione militare su vasta scala portata avanti per lungo tempo dal padre Dick Cheney. Ha fatto di tutto per impedire a Trump di ritirare le ultime truppe dall’Afghanistan e sta continuando a creare ostacoli in tale direzione.

E’ costantemente impegnata nel creare attrito nei confronti della Russia al punto di aver fatto circolare una fandonia secondo la quale i russi avrebbero offerte taglie a chiunque avesse ucciso soldati americani in Afghanistan. Una storia inventata che è stata utilizzata ampiamente contro Trump e gli altri repubblicani durante la campagna elettorale del 2020.

Fu proprio Elise Stefanik a esprimere riserve su queste notizie date come certe dalla Cheney e a subire attacchi di conseguenza.

Cheney ha anche profondamente compromesso la propria posizione nello stato di provenienza, il Wyoming, che ha ampiamente beneficiato durante la presidenza di Trump, ma che ora soffre per le iniziative punitive intraprese da Biden. E’ quindi probabile che perda del tutto il proprio posto al Congresso nel 2022, come auspicato pubblicamente dallo stesso Trump.

Durante la presidenza di George Bush junior, Cheney gestiva direttamente dalla sua posizione di vicepresidente tutte le operazioni militari e di intelligence, talvolta scavalcando persino la catena di comando militare.

E’ stato direttamente e personalmente responsabile della guerra in Iraq iniziata nel 2003 e continuata fino al 2011 e che ha provocato secondo, la società di ricerca Opinion Research Business, oltre 1 milione vittime.

Cheney ha anche favorito la nascita di ISIS, nascondendo documentazione importante e con la pessima gestione del dopo guerra in Iraq.

Sempre Cheney è responsabile dell’uso della tortura nell’interrogazione di prigionieri militari e civili.

E’ responsabile dell’invasione americana in Afghanistan a cui ha fatto seguito la lunga guerra nella regione.

E’ stato personalmente coinvolto nella vicenda dell’11 settembre 2001.

La sua amministrazione ha favorito la grande crisi economica del 2008

Con la riduzione di status di Liz Cheney, che è apertamente a sostegno di Joe Biden, il partito repubblicano può concentrarsi sul futuro proseguendo la graduale eleminazione del RINO (Republicans in Name Only) al proprio interno.

Si riduce anche il rischio a breve termine di uno scontro diretto con la Russia in Ucraina e su altri fronti.

E’ stato fatto addirittura un film sulle gesta di Dick Cheney, si chiama Vice, e merita di essere visto per comprendere il ruolo di quest’uomo nella politica americana del nuovo secolo, dal 2000 al 2008, danneggiando seriamente l’economia e la struttura costituzionale degli Stati Uniti.

Roberto Mazzoni

https://www.theepochtimes.com/rep-elise-stefanik-trump-voters-critical-to-republicans-winning-in-2022_3808393.html

https://www.theepochtimes.com/house-gop-votes-stefanik-as-replacement-for-cheney_3815747.html

https://en.wikipedia.org/wiki/ORB_survey_of_Iraq_War_casualties

https://thefederalist.com/2021/05/06/cheney-never-apologized-for-spreading-false-russian-bounty-story-which-was-used-against-republicans/

https://www.theamericanconservative.com/articles/its-afghanistan-stupid/

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi essere informato ogni volta che ne esce uno nuovo, iscriviti alla nostra newsletter.

Inviando questo modulo, acconsenti alla ricezione di newsletter ed email di marketing da parte di Mazzoni News, 1652 Harvard St, Clearwater, FL, 33755, US, https://mazzoninews.com.

Puoi cancellare la tua iscrizione in qualsiasi momento cliccando sul link alla base delle email che riceverai da noi. Per informazioni su come gestiamo la privacy, per favore consulta la nostra privacy policy.


Commenti:

Possiamo fare informazione indipendente grazie al tuo sostegno. Se trovi utile il nostro lavoro, contribuisci a mantenerlo costante
Inserisci il tuo indirizzo di email qui sotto per sapere ogni volta che esce un video.

Inviando questo modulo, acconsenti alla ricezione di newsletter ed email di marketing da parte di Mazzoni News, 1652 Harvard St, Clearwater, FL, 33755, US, https://mazzoninews.com.

Puoi cancellare la tua iscrizione in qualsiasi momento cliccando sul link alla base delle email che riceverai da noi. Per informazioni su come gestiamo la privacy, per favore consulta la nostra privacy policy.


Video collegati

Fine del Nuovo Ordine Mondiale? – parte 2 – MN #101

Fine del Nuovo Ordine Mondiale? – parte 1 – MN #98