Le vittime dell’impeachment contro Trump – MN #92

Donald Trump rilascia una dichiarazione ufficiale che incenerisce Mitch McConnell dopo che quest’ultimo aveva accusato Trump di aver incitato l’assalto al Campidoglio del 6 di gennaio perché ha continuato a protestare sulle irregolarità elettorali.

Contenuto integrale della lettera di Donald Trump:

Il partito repubblicano non potrà mai più essere rispettato oppure forte finché avrà “leader” politici come il Senatore Mitch McConnell al suo timone. La devozione di Mitch McConnell a mantenere tutto come al solito, alle politiche dello status quo, insieme alla sua mancanza di visione politica, di saggezza, di abilità e di personalità, l’ha portato rapidamente dall’essere il Leader di maggioranza ad essere il Leader di minoranza, e andrà sempre peggio.

 

I Democratici e Chuck Schumer suonano McConnell come un violino – non se la sono mai passata tanto bene – e vogliono mantenere le cose come stanno! Sappiamo che la nostra agenda America First è vincente, non l’agenza di McConnell che mette al primo posto gli interessi della Beltway (Washington DC e il relativo circondario) oppure la politica America Last di Biden.

 

Nel 2020 ho ricevuto il più alto numero di voti mai ricevuto da un presidente in carica e abbiamo riconquistato 15 seggi quasi facendo perdere il posto a Nancy Pelosi. I repubblicani hanno vinto la maggioranza in almeno 59 delle 98 camere legislative, e i Democratici non sono riusciti a riconquistare nemmeno una delle camere legislative portandole da rosso a blu.

 

E nel “senato di Mitch”, durante gli ultimi due cicli elettorali, ho salvato con le mie mani e da solo almeno 12 seggi senatoriali, più di 8 nel solo ciclo del 2020 – e poi è venuto il disastro della Georgia, dove avremmo dovuto vincere entrambi i seggi senatoriali, ma McConnell ha contrastato l’offerta di $ 2.000 di stimolo alle famiglie dei democratici con $ 600. Come funziona?

 

E’ diventato l’argomento primario di pubblicità dei democratici, ed è stata vincente alla grande. Dopo di che, McConnel si è messo lui stesso nella campagna pubblicitaria, pur essendo uno dei politici meno popolari negli Stati Uniti. Molti repubblicani della Georgia hanno votato per i democratici oppure semplicemente non hanno votato, a causa del loro tormento nei confronti degli inetti del proprio partito nel complesso, del Governatore Brian Kemp e del Segretario di Stato Brad Raffensperger, per non aver fatto il loro lavoro per garantire l’integrità elettorale durante la gara presidenziale del 2020.

 

In Georgia e in altri stati fluttuanti è stato un disastro elettorale completo. McConnell non ha fatto nulla e non farà mai quello che va fatto per garantire un sistema elettorale equo e giusto nel futuro. Non ha quello che serve, non l’ha mai avuto e non l’avrà mai.

 

Il solo rammarico è che McConnell “mi ha implorato” di dargli un mio forte supporto e appoggio davanti alla fantastica gente del Kentucky durante l’elezione del 2020, e gliel’ho dato. E’ passato da un punto di svantaggio a 20 punti di vantaggio e ha vinto. Ma dimentica rapidamente. Senza il mio appoggio, McConnell avrebbe perso, e perso in modo catastrofico. Ora i suoi numeri sono più bassi che mai, sta distruggendo il lato repubblicano del Senato e, nel farlo, sta seriamente danneggiando la nostra nazione.

 

Allo stesso modo, McConnell non ha nessuna credibilità nei confronti della Cina in ragione delle importanti quote societarie tenute dalla sua famiglia in aziende cinesi. Non fa nulla nei confronti di questa incredibile minaccia economica e militare.

 

Mitch è politicante da strapazzo arcigno, imbronciato e incapace di sorridere. E se i senatori decideranno di stare con lui, non vinceranno ancora. Non farà mai quel che deve essere fatto, o quel che è giusto per la nostra nazione. Dove necessario ed appropriato, appoggerò qualsiasi rivale per le primarie che voglia sposare la nostra politica di Make America Great Again e America First. Vogliamo una leadership brillante, forte, ponderata e compassionevole.

 

Prima della pandemia, abbiamo prodotto la più grande economia e i migliori numeri in termini di occupazione nella storia della nostra nazione e, allo stesso modo, il nostro recupero economico dopo il Covid è stato il migliore nel mondo. Abbiamo tagliato tasse e regolamenti, abbiamo ricostruito le nostre forze armate, ci siamo presi cura dei nostri veterani, abbiamo raggiunto l’indipendenza energetica, abbiamo costruito il muro e fermato il massiccio afflusso di immigrati illegali nella nostra nazione, e molto, molto di più. E ora gli immigrati illegali si stanno riversando attraverso il confine, le condutture di petrolio sono state bloccate, le tasse stanno salendo e non saremo più indipendenti da un punto di vista energetico.

 

Questo è un grande momento per la nostra nazione e non possiamo lasciarlo passare usando “leader” di terza classe che dettino il nostro futuro!

Questa è una dichiarazione di guerra aperta nei confronti dell’establishment repubblicano.

Parler.com è tornato online.

Nancy Pelosi annuncia una commissione bicamerale per fare luce sugli eventi del 6 di gennaio. Il vero scopo della commissione sembra di trovare un modo per fermare Trump.

Il deputato Mike Johnson dichiara che il partito democratico ha usato l’impeachment per dipingere i sostenitori di Trump come criminali.

Il senatore repubblicano Pat Toomey è stato censurato dal partito repubblicano della Pennsylvania per aver votato a favore della condanna di Trump durante l’impeachment appena concluso. E’ il secondo repubblicano, dopo il senatore Bill Cassidy della Luisiana, a ricevere una censura per questo motivo.

La famiglia del parlamentare repubblicano Adam Kizinger lo denuncia con una lettera di due pagine pubblicata sul New York Times per aver votato a favore dell’impeachment di Trump. Lo accusa di aver infangato il nome dell’intera famiglia.

Il partito repubblicano del Maine progetta di censurare la senatrice Susan Collins per aver votato a favore dell’impeachment di Trump.

Il Lincoln Project, un gruppo repubblicano fortemente ostile a Trump, viene coinvolto in uno scandalo per abusi sessuali.

Una petizione online censura il senatore repubblicano Mitt Romney per aver votato in favore della condanna di Trump durante l’ultimo impeachment.

Il partito repubblicano della Nord Carolina censura il senatore Richard Burr per aver votato a favore della condanna di Trump durante l’ultimo impeachment.

Il senatore Ron Johnson dichiara che Mitch McConnell, con il suo discorso finale sull’impeachment che addossa a Trump la responsabilità dell’attacco al Campidoglio, non rappresenta la posizione della maggioranza dei parlamentari e senatori repubblicani al senato.

Un’inchiesta di Gallup mostra che il 62% degli americani è pronto per la nascita di un terzo partito, il che rappresenta un aumento del 50% rispetto allo stesso sondaggio condotto nel 2003 quando avevano risposto affermativamente solo il 40% degli intervistati. Metà delle persone che hanno risposto si identificano come indipendenti.

Più dei due terzi degli elettori repubblicani sono pronti a unirsi a un partito che abbia Trump come leader. Il 70% degli elettori repubblicani considera Trump il leader più importante del partito.

Un’inchiesta di The Morning Consult/Politico mostra che Trump mantiene un vantaggio del 53% come futuro candidato presidenziale repubblicano per il 2024, Mike Pence ha il 12%, Donald Trump Jr. ha il 6% e Mike Pompeo ha il 2% il che fornisce un totale del 73%.

Il capo di Homeland Security, Bennie Thompson, fa causa a Trump per gli eventi del Campidoglio nel tentativo disperato d’impedire che Trump si candidi di nuovo. Alla causa si uniranno probabilmente anche alcuni parlamentari democratici. Nella causa verrà coinvolto anche Rudy Giuliani.

Nella giornata dedicata al presidente, una festa si è formata una grande manifestazione spontanea a West Palm Beach in Florida a breve distanza da dove vive Donald Trump. L’ex presidente ha fatto un’apparizione a sorpresa nella sua macchina per salutare la folla.

La gente è venuta da molte parti della Florida e anche da altri stati.

Ruskin: impossibile combattere un culto

Jamie Raskin, coordinatore degli accusatori di Trump durante all’impeachment dichiara che non hanno perso davanti all’opinione pubblica e alla storia. Dice che è impossibile vincere contro il culto di Trump.

Culto: 2. un piccolo gruppo di persone che hanno credenze religiose estreme e che non fanno parte di una qualsiasi religione consolidata. 1. Un modo di vivere, un atteggiamento, un idea, eccetera che sono diventati molto popolari.

Questo sottolinea che, come dice Trump, anche questo impeachment costruito secondo i dettami dell’inquisizione, è semplicemente un altro capitolo della lunga caccia alle streghe che lo ha visto protagonista negli ultimi quattro anni.

Raskin era stato al centro della cronaca lo scorso ottobre il occasione del suicidio per depressione di suo figlio Thomas Bloom, 25 anni, studente di legge presso la facoltà di legge di Harvard.

Lo stato dell’Oregon promuove un piano di studi mirato ad eliminare il razzismo nello studio della matematica. Chiedere di vedere il risultato dei compiti, dire che il risultato è sbagliato e razzismo e una forma di supremazia bianca. Sostenere che c’è sempre una risposta giusta e spingere gli studenti affinché la trovino è razzismo. Gli studenti dovrebbero fornire almeno due risposte. Spiegano inoltre che solo i bianchi possono essere razzisti perché sono gli unici ad averne il potere.

Il Pentagono continua a cercare all’interno delle forze armate razzisti ed estremisti. Vogliono promuovere la diversità e la politica “gender” all’interno delle forze armate. Dovranno anche considerare il cambiamento climatico in tutte le attività di simulazione militare.

Bill Gates dichiara che nelle nazioni ricche si dovrebbe mangiare carne al 100% sintetica al fine di limitare le emissioni di anidride carbonica provocate dal bestiame.

Una moderna caccia alle streghe

Gli House manager sono parlamentari che svolgono il ruolo di avvocati dell’accusa. Il capo degli House manager in questo impeachment è stato il parlamentare democratico Jamie Raskin.

Caccia alle streghe con motivazione politica che dura ormai da 4 anni, con impeachment completamente scollegato dai fatti, dalla legge e dagli interessi degli americani.

Trump ha seguito tutti i percorsi legali disponibili per presentare le sue contestazioni elettorali.

Clinton aveva fatto altrettanto con numerose cause post-elettorali, richieste di riconteggio dei voti e l’accusa assurda che le elezioni fossero state rubate dalla Russia, una delle teorie complottiste più incredibili mai viste, eppure ripetuta senza alcuna prova per anni incolpando Trump di essere una spia russa. La stessa Nancy Pelosi ha accusato Trump di essere un impostore e un traditore. E ha definito nemici all’interno i parlamentari repubblicani che hanno votato per obiettare ai voti dei grandi elettori.

Diversi democratici hanno cercato persino di persuadere i Grandi Elettori del 2016 a cambiare il proprio voto in favore di Hillary Clinton.

Lo stesso House manager Jamie Raskin ha obiettato nel gennaio 2017 alla certificazione dei grandi elettori che avevano votato per Trump nonostante non avesse un senatore che appoggiava la sua richiesta.

Lo stesso è stato fatto da altri parlamentari del partito democratico che anch’essi non avevano un senatore che li appoggiasse, con chiaro disprezzo delle regole del senato.

Molti politici democratici hanno apertamente sostenuto i disordini violenti accaduti la scorsa estate e Nancy Pelosi, mentre ha giustificato i facinorosi di tale evento ha marchiato come Stormtrooper i poliziotti che erano intervenuti a protezione delle persone e dei beni distrutti dai manifestanti di Antifa e Black Lives Matter.

Nell’attacco al Campidoglio, una delle prime persone arrestate è stato uno dei leader di Antifa che però è stato subito rilasciato. Il suo nome ..

Gli attacchi sono stati premeditati, come affermato anche dagli accusatori di Trump.

Il sindaco di Washington ha rifiutato l’offerta di aiuto da parte della Guardia Nazionale per garantire la sicurezza della città e il Campidoglio era con un organico di polizia ridotto. Dopo che la scorsa estate la Casa Bianca è stata sotto attacco costantemente notte dopo notte, con scontri diretti con gli agenti del Secret Service (sicurezza del presidente) e hanno anche sfondato un muro di sicurezza, portando allo sgombero di Lafayette Square (piazza). In quell’occasione la stampa mainstream ha criticato costantemente l’intervento delle forze di sicurezza per sgomberare l’area.

Steven Scalise, parlamentale repubblicano, è stato colpito quasi a morte da James Thomas Hodgkinson, 66 anni, un sostenitore di Bernie Sanders, appartenente all’organizzazione di facinorosi Bernie Bros, che aprì il fuoco su numerosi politici repubblicani durante un incontro sportivo amichevole tra parlamentari del 14 giugno 2017. Fu ucciso nello scontro a fuoco che ne risultò con la polizia, con due poliziotti feriti.

L’impeachment è contro tutti gli americani che hanno votato per Trump.

L’avvocato Michael van der Veen apre la difesa per Trump durante il secondo impeachment

Ha la facoltà di iniziare la presentazione del caso per l’ex presidente. Proceda.

 

Buon pomeriggio, senatori. Signor Presidente. L’articolo di impeachment ora davanti al Senato è un atto ingiusto e palesemente incostituzionale di vendetta politica. Questo spaventoso abuso della Costituzione non fa che dividere ulteriormente la nostra nazione quando dovremmo cercare di riunirci intorno a priorità condivise.

 

Come sempre. Come ogni altra caccia alle streghe politicamente motivata che la sinistra ha intrapreso negli ultimi quattro anni, questo impeachment è completamente avulso dai fatti, dalle prove e dagli interessi del popolo americano. Il Senato dovrebbe prontamente e decisamente votare per respingerlo.

 

Nessuna persona pensante potrebbe seriamente credere che il discorso del presidente del 6 gennaio sull’Ellisse fosse in qualche modo un incitamento alla violenza o all’insurrezione.

 

Il suggerimento è palesemente assurdo già a prima vista, niente nel testo potrebbe mai essere interpretato come un incoraggiamento, una legittimazione oppure un incitamento ad attività illegali di qualsiasi tipo.

 

Lungi dal promuovere l’insurrezione contro gli Stati Uniti, i commenti del presidente incoraggiano esplicitamente i presenti a esercitare i loro diritti in modo pacifico e patriottico.

 

La protesta pacifica e patriottica è l’antitesi stessa di un assalto violento al Campidoglio della nazione.

 

L’articolo di impeachment della Camera afferma calunniosamente che il presidente intendeva che la folla all’Ellisse “interferisse con il solenne dovere costituzionale della sessione congiunta di certificare i risultati delle elezioni presidenziali del 2020”.

 

Questo è manifestamente smentito dal semplice testo dei commenti. Il presidente ha dedicato quasi tutto il suo discorso a un’estesa discussione su come i legislatori dovrebbero votare sulla questione sul tappeto. Invece di esprimere un desiderio che s’impedisse lo svolgimento della sessione congiunta, l’intera premessa delle sue osservazioni era che il processo democratico si sarebbe dovuto e potuto svolgere secondo i precisi dettami di  legge. Compresa la Costituzione e la legge sul conteggio elettorale. Nella conclusione dei suoi commenti, ha poi esposto una serie di passi legislativi che dovrebbero essere fatti per migliorare la responsabilità democratica in futuro.

 

Come l’approvazione di una legislazione che richieda l’identificazione universale degli elettori, che vieti la raccolta privata delle schede elettorali (ballot harvesting), che richieda di esibire una prova di cittadinanza per votare, e raggiungere risultati eccezionali durante le prossime primarie.

 

Queste non sono le parole di qualcuno che incita all’insurrezione violenta.

 

Non solo il discorso del presidente Trump del 6 gennaio, ma in effetti tutta la sua intera contestazione dei risultati elettorali era completamente focalizzata su come il corretto processo civico potesse affrontare qualsiasi problema attraverso il sistema legale e costituzionale stabilito.

Contestazione dei voti dei Grandi Elettori da parte del partito Democratico

Il presidente ha portato il suo caso davanti a tribunali statali e federali, alla Corte Suprema degli Stati Uniti, alle legislature statali, al Collegio Elettorale e infine al Congresso degli Stati Uniti.

 

In passato, numerosi altri candidati alla presidenza hanno usato molti degli stessi processi per portare avanti le loro contestazioni elettorali. Recentemente, nel 2016, la campagna elettorale di Clinton ha intentato diverse cause giudiziarie post-elettorali, ha richiesto riconteggi e ha ridicolmente dichiarato che le elezioni erano state rubate dalla Russia.

 

Molti democratici hanno persino tentato di convincere i delegati del Collegio Elettorale a rovesciare i risultati del 2016. L’House manager (parlamentare che funge da avvocato dell’accusa) Raskin si è opposto alla certificazione della vittoria del presidente Trump quattro anni fa, insieme a molti dei suoi colleghi.

 

Vi ricorderete che è stato Joe Biden a dover interrompere la richiesta impropria battendo ripetutamente con il suo martelletto da presidente dell’assemblea.

 

Ho un’obiezione perché 10 dei 29 voti elettorali espressi dalla Florida sono stati espressi da elettori non legalmente certificati.

 

Mi oppongo ai voti dello stato del Wisconsin, che non sarebbe, non dovrebbe essere legalmente. Nessuna discussione. Signor Presidente, mi oppongo al certificato dello Stato della Georgia per il fatto che i voti elettorali. Non c’è discussione.

 

E mi oppongo al certificato dello Stato della Carolina del Nord. Obietto ai 15 voti dello Stato della Carolina del Nord. Mi oppongo. Mi oppongo al certificato dello Stato dell’Alabama. Gli elettori non sono stati legalmente certificati.

 

È firmato da un senatore? Non ancora, signor Presidente. In questo caso, l’obiezione non può essere accolta. L’obiezione non può essere accolta.

 

Il conteggio delle schede. L’obiezione non è consentita. Persino con il cambiamento dei voti afro-americani. Non c’è dibattito e non c’è dibattito nella sessione congiunta. Non c’è dibattito. Non c’è dibattito. Non c’è dibattito. E la matematica. Per favoretornate all’ordine, l’obiezione non può essere ricevuta. Secondo me. Ma l’influenza  russa sull’elezione. La sezione 18 del titolo tre del Codice degli Stati Uniti proibisce il dibattito nella sessione congiunta.

 

Non desidero discutere. Vorrei chiedere se c’è un senatore degli Stati Uniti che si unirà a me in questa lettera.

 

Non c’è dibattito. Non c’è dibattito. La signora deve sospendere.

 

Nel 2000, la contestazione sui risultati è stata portata fino alla Corte Suprema, che alla fine ha reso una decisione. Litigare su questioni di integrità elettorale all’interno di questo sistema non è un incitamento alla insurrezione.

 

È il sistema democratico che funziona come i fondatori e i legislatori hanno progettato.

 

Affermare che il presidente abbia in qualche modo desiderato, voluto o incoraggiato un comportamento illegale o violento è una bugia assurda e mostruosa.

 

Infatti, i primi due messaggi che il presidente ha inviato via Twitter una volta iniziata l’incursione del Campidoglio sono stati: “state tranquilli e niente violenza perché siamo il partito della legge e dell’ordine”.

 

Il raduno del 6 gennaio doveva essere un evento pacifico, non lasciatevi convincere del contrario, e la stragrande maggioranza dei presenti è rimasta pacifica.

Chi difende davvero lo stato di diritto

Come tutti sanno, il presidente aveva parlato in centinaia di grandi raduni in tutto il Paese negli ultimi cinque anni.

 

Non c’è mai stato alcun comportamento di tipo violento o riottoso, e in effetti, una parte significativa di ogni evento è stata dedicata a celebrare lo stato di diritto, a proteggere la nostra Costituzione, e ad onorare gli uomini e le donne delle forze dell’ordine. Mettete a confronto la ripetuta condanna della violenza da parte del presidente con la retorica dei suoi avversari.

 

Sono il vostro presidente della Legge e dell’Ordine e un alleato di tutti i manifestanti pacifici.

 

La grande maggioranza dei manifestanti è stata pacifica.

 

I repubblicani sono per la legge e l’ordine. E ci battiamo per la giustizia.

 

Non capisco nemmeno perché non ci siano rivolte in tutto il Paese. Forse ci saranno.

 

La mia amministrazione sarà sempre contro la violenza, il caos e il disordine.

 

C’è bisogno di agitazione nelle strade per tutto il tempo in cui c’è agitazione nelle nostre vite.

 

Io sto con gli eroi delle forze dell’ordine.

 

E voi gli sputate addosso e gli dite che non sono più i benvenuti, da nessuna parte.

 

Non toglieremo mai i fondi alla polizia. Insieme, ci assicureremo che l’America sia una nazione di legge e ordine.

 

Al liceo, lo avrei portato dietro la palestra e lo avrei picchiato a sangue [Trump].

 

Ma credo che tu debba tornare indietro e dargli un pugno in faccia.

 

Ho voglia di prenderlo a pugni.

 

Vogliamo solo legge e ordine. Tutti lo vogliono.

 

Voglio dirti Gorsuch, voglio dirti Kavanaugh (i due nuovi giudici della Corte Suprema nominati da Trump). Avete liberato il turbine e ne pagherete il prezzo!

 

Vogliamo legge e ordine. Dobbiamo avere legge e ordine.

 

Mostrami dove si dice che le proteste devono essere educate e pacifiche.

 

Crediamo nelle strade sicure, nelle comunità sicure e crediamo nella legge e nell’ordine.

 

Tragicamente, come sappiamo ora, il 6 gennaio, un piccolo gruppo che è venuto a Washington per scatenare un comportamento violento e minaccioso, ha monopolizzato l’evento per i propri fini.

 

Secondo le informazioni disponibili pubblicamente, è evidente che gli estremisti di vari tipi e persuasioni politiche hanno pianificato e premeditato un attacco alla capitale.

 

Una delle prime persone arrestate è stato un leader di Antifa, purtroppo è stato anche tra i primi ad essere rilasciato.

 

Fin dall’inizio, il presidente è stato chiaro. I criminali che si sono infiltrati nel Campidoglio devono essere puniti nella misura massima della legge, devono essere imprigionati per tutto il tempo consentito dalla legge.

 

Il fatto che gli attacchi erano apparentemente premeditati, come sostenuto dagli House manager, dimostra la ridicolaggine dell’accusa di incitamento contro il presidente, non si può incitare ciò che stava già per accadere.

 

Le forze dell’ordine presenti sulla scena si sono comportate in modo eroico e coraggioso, e il nostro Paese ha un debito eterno nei loro confronti.

 

Ma ci deve essere una discussione della decisione da parte della leadership politica per quanto riguarda l’assegnazione delle forze e della sicurezza prima dell’evento.

 

Come molti ricorderanno, l’estate scorsa, la Casa Bianca ha dovuto affrontare, notte dopo notte, dei violenti rivoltosi. Hanno attaccato ripetutamente gli agenti del Secret Service segreti e ad un certo punto hanno sfondato un muro di sicurezza, culminando nello sgombero di Lafayette Square.

 

Da allora, c’è stata una sostenuta narrativa negativa nei media riguardo alla necessità di quelle misure di sicurezza in quella notte, anche se hanno certamente impedito che si verificassero molte calamità.

 

Sulla scia dell’attacco al Campidoglio, si deve indagare se la corretta postura della forza non sia stata avviata a causa della pressione politica derivante dagli eventi di Lafayette Square.

 

Considerate questo, il 5 gennaio, il sindaco del Distretto di Columbia ha esplicitamente scoraggiato la Guardia Nazionale e le autorità federali dal fare di più per proteggere il Campidoglio, dicendo e cito:

 

“Il Distretto di Columbia non sta richiedendo altro personale federale per l’applicazione della legge e scoraggia qualsiasi ulteriore dispiegamento”.

 

Questo impeachment fasullo pone anche una seria minaccia alla libertà di parola per i leader politici di entrambi i partiti ad ogni livello di governo. Il Senato dovrebbe essere estremamente attento al precedente che questo caso creerà. Considerate il linguaggio che l’articolo di impeachment della Camera sostiene costituire un incitamento.

 

“Se non lotti come un dannato, non avrai più una nazione”. Questa è retorica politica ordinaria che è praticamente indistinguibile dal linguaggio che è stato usato da persone di tutto lo spettro politico per centinaia di anni.

 

Innumerevoli politici hanno parlato di combattere per i nostri principi. Lo slogan della campagna di Joe Biden era “Battaglia per l’anima dell’America”. Nessun essere umano crede seriamente che l’uso di tale terminologia metaforica sia un incitamento alla violenza politica.

 

Mentre il presidente non ha usato un linguaggio di incitamento, ci sono numerosi funzionari a Washington che hanno effettivamente usato una retorica profondamente sconsiderata, pericolosa e infiammatoria negli ultimi anni.

Quali sono i veri complottisti

L’intero Partito Democratico e i media nazionali hanno passato gli ultimi quattro anni a ripetere, senza alcuna prova,

 

che le elezioni del 2016 erano state violate tramite hacking. E falsamente e assurdamente ha affermato che il presidente degli Stati Uniti era una spia russa. La stessa Speaker Pelosi ha detto che le elezioni del 2016 sono state rubate e che il Congresso ha il dovere di proteggere la nostra democrazia. Ha anche definito il presidente un impostore e un traditore. E recentemente si è riferita ai suoi colleghi della Camera come al nemico interno. Inoltre, molti politici democratici appoggiano e incoraggiano le rivolte che hanno distrutto vaste zone delle città americane la scorsa estate.

 

Quando violenti anarchici di sinistra hanno condotto un assalto prolungato a un tribunale federale a Portland, nello stato dell’Oregon, la speaker Pelosi non l’ha chiamato insurrezione. Invece, ha chiamato le forze dell’ordine federali che proteggevano l’edificio, Stormtroopers.

 

Quando le folle violente hanno distrutto la proprietà pubblica, ha detto: “La gente fa quel che fa”. Il procuratore generale dello stato del Massachusetts ha dichiarato: “Sì, l’America sta bruciando. Ma è così che crescono le foreste”. La rappresentante Ayanna Pressley ha dichiarato che c’è bisogno di agitazione nelle strade per tutto il tempo in cui c’è agitazione nelle nostre vite.

 

L’attuale vicepresidente degli Stati Uniti, Kamala Harris, ha esortato i sostenitori a donare a un fondo che ha pagato la cauzione per far uscire violenti rivoltosi e piromani fuori dal carcere.

 

Uno di questi è stato rilasciato ed è uscito e ha commesso un altro crimine, un’aggressione.

 

Ha picchiato qualcuno senza pietà. Kamala Harris, delle manifestazioni violente, ha detto, : “State tutti attenti, non si fermeranno prima dell’Election Day di novembre (il giorno delle elezioni) e non si fermeranno dopo l’Election Day, non si fermeranno. E non dovrebbero”.

 

Tale retorica è continuata anche mentre centinaia di agenti di polizia in tutta la nazione sono stati sottoposti a violente aggressioni per mano di folle inferocite.

 

Un uomo che afferma di essere ispirato dal senatore junior del Vermont. È venuto qui a Washington D.C. per guardare una partita di softball e uccidere quanti più senatori e membri del Congresso poteva.

 

Non si può dimenticare che il presidente Trump non ha incolpato il senatore junior del Maine. La senatrice senior del Maine ha avuto la sua casa circondata da folle inferocite di manifestanti. Quando è successo, questo l’ha innervosita. Uno degli House manager, non ricordo quale, ha twittato: “Piangimi un fiume di lacrime”.

 

Secondo gli standard dell’articolo d’impeachment della Camera, ognuno di questi individui dovrebbe essere retroattivamente censurato, espulso, punito o sottoposto a impeachment per aver incitato alla violenza i propri sostenitori.

 

A differenza della sinistra, il presidente Trump è stato del tutto coerente nella sua opposizione alla violenza della folla.

 

Si oppone in tutte le forme, in tutti i luoghi, così come è stato coerente sul fatto che la Guardia Nazionale dovrebbe essere schierata per proteggere le comunità americane ovunque sia necessaria la protezione.

 

Per quanto riguarda i democratici, hanno chiaramente dimostrato che la loro opposizione alle folle violente e la loro opinione sull’uso della Guardia Nazionale, dipende dalle opinioni politiche della folla. Non solo questo caso di impeachment è assurdamente sbagliato sui fatti, non importa quanto calore ed emozione sia iniettato dall’opposizione politica. È anche palesemente incostituzionale. In effetti, il Congresso starebbe rivendicando il diritto di squalificare un privato cittadino, non più un funzionario del governo, dalla candidatura a una carica pubblica.

 

Questo trasformerebbe il solenne processo di impeachment in un meccanismo per affermare il controllo del Congresso su quali privati cittadini sono e non sono autorizzati a candidarsi alla presidenza.

 

In breve, questo sforzo senza precedenti non riguarda i democratici che si oppongono alla violenza politica.

 

Si tratta di democratici che cercano di squalificare la loro opposizione politica. È la cancel culture (cultura dell’annullamento) a livello costituzionale. La storia registrerà questo tenantivo vergognoso come un tentativo deliberato del Partito Democratico di diffamare, censurare e cancellare non solo il presidente Trump ma i 75 milioni di americani che hanno votato per lui.

 

Ora non è il momento per una tale campagna di punizione. È il momento dell’unità. E della guarigione. E di concentrarsi sugli interessi della nazione nel suo complesso. Dovremmo tutti cercare di raffreddare le temperature, calmare le passioni, sollevarci al di sopra delle linee di partito. Il Senato dovrebbe respingere questo sforzo divisivo e incostituzionale e permettere alla nazione di andare avanti. Nel corso delle prossime tre ore circa, sentirete il signor Schoen, che parlerà del giusto processo e di un paio di altri punti che sarete interessati ad ascoltare.

 

Tornerò con un’analisi del perché il Primo Emendamento deve essere applicato correttamente in questo caso.

 

E poi il signor Castor discuterà come la legge  si applica al discorso del 6 gennaio.

 

E poi saremo lieti di rispondere alle vostre domande. Grazie.

Un processo contro 74 milioni di americani

Michael van der Veen ha fatto altri interventi nella difesa di Donald Trump durante il secondo impeachment, ma in realtà la sua difesa ha abbracciato anche gli oltre 74, milioni di americani che hanno votato per Trump e hanno sostenuto la sua campagna.

Roberto Mazzoni

Altre fonti:

1. A patheway to equitable instruction

2. Dismantling racism in mathematics instruction

https://en.wikipedia.org/wiki/Congressional_baseball_shooting#Perpetrator

https://www.theepochtimes.com/aim-of-impeachment-was-to-paint-all-trump-voters-as-criminals-rep-mike-johnson_3697344.html

https://www.theepochtimes.com/oregon-promotes-teacher-training-program-to-dismantle-racism-in-mathematics_3697137.html

https://www.theepochtimes.com/beijing-firmly-against-czech-excluding-china-from-new-dukovany-nuclear-project_3693984.html

https://www.theepochtimes.com/russian-cargo-ship-launched-to-international-space-station_3697150.html

https://www.theepochtimes.com/sen-pat-toomey-censured-by-york-county-gop-for-voting-to-convict-trump-during-impeachment_3697054.html

https://www.theepochtimes.com/support-for-third-us-political-party-reaches-high-point-poll_3696991.html

https://www.msn.com/en-us/news/politics/jamie-raskin-says-he-demolished-trump-lawyers-but-cant-reason-with-religious-cult/ar-BB1dFXes

https://www.breitbart.com/politics/2021/02/16/gop-rep-adam-kinzingers-family-denounces-him-over-trump-impeachment-vote/

https://www.breitbart.com/tech/2021/02/16/bill-gates-rich-countries-should-be-eating-100-synthetic-beef/

https://www.breitbart.com/politics/2021/02/16/team-trump-dominates-republican-2024-presidential-poll-with-73-percent-support/

https://www.breitbart.com/politics/2021/02/16/online-petition-sees-voters-censuring-romney-he-prioritized-a-personal-and-political-vendetta-over-constitution/

https://www.breitbart.com/politics/2021/02/16/maine-gop-considering-censuring-susan-collins-over-trump-conviction-vote/

https://www.breitbart.com/politics/2021/02/15/the-woke-force-biden-pentagon-pursues-leftist-domestic-agenda/

https://www.breitbart.com/politics/2021/02/15/north-carolina-gop-censures-sen-richard-burr-for-voting-to-convict-donald-trump-on-impeachment-charges/

https://www.breitbart.com/clips/2021/02/15/sen-ron-johnson-on-mcconnells-anti-trump-speech-our-leader-does-not-reflect-our-conference/

https://www.the-sun.com/news/2345061/donald-trump-sued-bennie-thompson-capitol-riot/?utm_source=facebook&utm_medium=social&utm_campaign=ussunnewsfacebookbreaking

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi essere informato ogni volta che ne esce uno nuovo, iscriviti alla nostra newsletter.

Inviando questo modulo, acconsenti alla ricezione di newsletter ed email di marketing da parte di Mazzoni News, 1652 Harvard St, Clearwater, FL, 33755, US, https://mazzoninews.com.

Puoi cancellare la tua iscrizione in qualsiasi momento cliccando sul link alla base delle email che riceverai da noi. Per informazioni su come gestiamo la privacy, per favore consulta la nostra privacy policy.


Commenti:

Possiamo fare informazione indipendente grazie al tuo sostegno. Se trovi utile il nostro lavoro, contribuisci a mantenerlo costante
Inserisci il tuo indirizzo di email qui sotto per sapere ogni volta che esce un video.

Inviando questo modulo, acconsenti alla ricezione di newsletter ed email di marketing da parte di Mazzoni News, 1652 Harvard St, Clearwater, FL, 33755, US, https://mazzoninews.com.

Puoi cancellare la tua iscrizione in qualsiasi momento cliccando sul link alla base delle email che riceverai da noi. Per informazioni su come gestiamo la privacy, per favore consulta la nostra privacy policy.


Video collegati

Impeachment incostituzionale? – MN #87

Impeachment per Trump? – MN 77

Trump assolto nel secondo impeachment – MN #91

Trump, impeachment e Reichstag 2.0 - MN #90