Trump fa causa a Big Tech – parte 1 – MN #119

Donald Trump ha citato in giudizio Facebook, Twitter e Youtube per violazione della libertà di espressione a seguito della chiusura dei suoi account su queste piattaforme dopo l’incidente del 6 gennaio scorso. Nella causa sono anche coinvolti individualmente Mark Zuckerberg (amministratore delegato di Facebook), Sundar Pichai (amministratore delegato di Google) e Jack Dorsey (amministratore delegato di Twitter).

La causa è stata presentata in Florida presso il distretto meridionale dello stato e vede coinvolto anche l’America First Policy Institute, un’organizzazione senza fini di lucro formata di recente da ex-componenti dell’amministrazione Trump.

Trattandosi di una class action, vale a dire una causa collettiva, altre persone e altre aziende possono aggiungersi e condividere i benefici del risultato. Ce ne sono già diverse, ma hanno anche allestito un sito web per raccogliere donazioni e i nomi di chi è ha interesse a unirsi.

http://www.takeonbigtech.com/

La conferenza che fa partire la megacausa

Grazie, signor Presidente. Salve a tutti, il mio nome è Brooke Rollins. Vedo molte facce amichevoli tra la folla e altre facce. Sono il presidente e l’amministratore delegato dell’America First Policy Institute. Prima di fondare, insieme al nostro Presidente, Linda McMahon e Larry Kudlow, l’America First Policy Institute, ho avuto l’onore e il privilegio di lavorare per il Presidente Donald Trump come suo consigliere di politica interna alla Casa Bianca. Il mio titolo più importante, però, non è nessuno di questi.

 

Qualunque sia il mio ruolo, sono prima di tutto un’americana, una moglie, una madre, una figlia, una sorella, una vicina e un’imprenditrice con tutto ciò che significa essere un’americana. È questo imperativo della cittadinanza che ci porta qui oggi. La post-presidenza è di solito un periodo rilassante per un Presidente. Ci si prende un po’ di pausa, si scrivono le proprie memorie, magari si firma un contratto con Netflix. Questo è quello che fa la maggior parte dei presidenti. Ma naturalmente, quello che fa la maggior parte dei presidenti non ha mai descritto Donald J. Trump.

 

Le persone che amano Donald Trump e quelle che non lo amano sono tutte d’accordo su una cosa: lui fa la storia e la sta facendo anche oggi, come sentirete da lui tra poco. Ma il Presidente sarebbe d’accordo con me quando dico che se oggi ci concentrassimo su di lui mancheremmo l’obiettivo. Durante la sua presidenza, mi ricordo che ha detto più di una volta che in realtà, non vogliono colpire me, vogliono colpire voi e l’America che conosciamo e amiamo. E io sono solo un ostacolo sul loro percorso.

 

Non c’è nessun argomento su cui loro, le élite, le grandi imprese, i progressisti, i titolari di uffici pubblici e i burocrati, non c’è nessun altro argomento al di là del Primo Emendamento che loro vedono come l’ostacolo più grande per realizzare le loro ambizioni. Il Primo Emendamento, il baluardo delle nostre libertà, è ciò che ci permette come cittadini di resistergli ad ogni passo. Il Primo Emendamento sta veramente tra loro e noi. Quando cercano di dirci cosa leggere, il Primo Emendamento si mette sulla loro strada.

 

Quando cercano di dirci cosa pensare, il Primo Emendamento li ostacola. Quando cercano di dirci cosa credere, il Primo Emendamento li ostacola. E quando cercano di dirci con chi adorare, con chi associarci, con chi riunirci e con chi essere amici, il Primo Emendamento li ostacola. Non è una sorpresa quindi che essi vogliano che il Primo Emendamento sparisca. Non ne chiedono l’abolizione, ovviamente, sanno bene che non funzionerebbe, ma invece spingono affinché sia ridotto al punto da diventare privo di significato.

 

Da nessuna parte questo è più evidente che nella soppressione dei diritti del Primo Emendamento online. Tra un minuto, il Presidente parlerà di questo e di ciò che intende fare al riguardo. Mi basta dire questo, ciò che solo un decennio fa era una mera versione romanzata di una distopia paranoica, dove una manciata di aziende tecnologiche effettivamente prendevano il controllo della pubblica piazza americana, è ora la nostra realtà attuale. Contro di loro, questo Presidente combatte per voi, come ha sempre fatto e come sempre farà.

 

In definitiva, la questione in questione è la stessa che ha attanagliato la nazione dal giorno in cui quasi esattamente sei anni fa Donald Trump ha fatto la sua famosa discesa sulla scala mobile verso la storia, diventando il candidato Trump e poi il nominato Trump e poi il Presidente Trump. La questione è semplicemente questa, lo era allora e lo è oggi: chi governa in America? È forse una manciata di élite non responsabili e non elette che inventano e applicano standard arbitrariamente? Se è così, è tempo di archiviare l’esperimento americano.

 

Dichiarare il sogno americano finito. Rilasciare titoli aristocratici e farla finita con la farsa.

 

Oppure chi governa questo Paese è ancora il popolo? La cittadinanza democratica, gli uomini e le donne che fanno un lavoro onesto ogni singolo giorno e chiedono solo un trattamento giusto ed equo in cambio? Abbiamo bisogno di questa risposta. Questo Paese ha appena terminato la celebrazione del giorno dell’indipendenza in cui abbiamo parlato e celebrato tutto ciò che siamo stati e tutto ciò che abbiamo significato come Paese. Per il bene dei futuri giorni dell’indipendenza, per il bene delle future generazioni americane, dobbiamo lottare per il governo del popolo.

 

Questo è ciò che Donald Trump è qui per fare, ed è ciò che ha sempre fatto. Per favore aiutatemi a dare il benvenuto al Presidente Donald J. Trump.

 

Grazie mille Brooke, lo apprezzo molto. Grazie a tutti. Voglio solo dire che mi trovo davanti a voi questa mattina per annunciare uno sviluppo molto importante e molto bello, credo, per la nostra libertà e la nostra libertà di parola. E questo vale per tutti gli americani. Oggi, in collaborazione con l’America First Policy Institute, sto presentando come rappresentante principale della causa, una grande azione legale collettiva contro i giganti della Big Tech, tra cui Facebook, Google e Twitter.

 

Alla pari dei loro amministratori delegati, Mark Zuckerberg, Sundar Pichai e Jack Dorsey, tre veri bravi ragazzi.

 

Stiamo chiedendo alla Corte Distrettuale degli Stati Uniti per il distretto meridionale della Florida di ordinare la cessazione immediata della censura illegale e vergognosa del popolo americano da parte delle compagnie di social media, ed è esattamente quello che stanno facendo. Chiediamo la fine dello shadow banning (oscuramento invisibile), la fine del silenziamento e la fine della compilazione di liste nere, dei bandi e delle cancellazioni che voi conoscete così bene. Il nostro caso dimostrerà che questa censura è illegale, è incostituzionale, ed è completamente anti-americana.

 

Lo sappiamo tutti. Lo sappiamo tutti molto, molto bene. La nostra causa chiede anche un provvedimento ingiuntivo per consentire una pronta restituzione, un vero e proprio restauro, e si possono nominare circa 20 altre cose che devono essere ripristinate prontamente perché stanno distruggendo il nostro Paese, dei miei account. Inoltre, stiamo chiedendo alla Corte di imporre danni punitivi a questi giganti dei social media. Chiederemo a Big Tech di rendere conto fino in fondo. Questa è la prima di numerose altre cause, presumo, che seguiranno, ma questa è la causa guida, e penso che segnerà un cambiamento molto, molto importante per il nostro Paese.

 

Sarà una battaglia cruciale nella difesa del Primo Emendamento. E alla fine, sono fiducioso che otterremo una vittoria storica per la libertà americana e allo stesso tempo, la libertà di parola.

 

Quindi voglio ringraziare tutta l’eccezionale squadra legale dietro questo sforzo, in particolare John Coale, abbiamo ingaggiato molti degli avvocati che si sono occupati delle cause sul tabacco. Sapete, ho detto, chi sono i migliori avvocati? Beh, gli avvocati che si sono occupati del tabacco sembrano fare un ottimo lavoro.

 

Così ho pensato, vediamo se vogliono farlo e volevano davvero farlo. Abbiamo un grande, grande talento. Voglio anche ringraziare Brooke Rollins, una persona e un’amica eccezionale. Sta portando [il progetto] ad un livello che nessuno aveva mai visto. E l’ha fatto molto rapidamente, insieme a Linda McMahon, una donna di enorme successo che ha fatto un lavoro incredibile nell’amministrazione, una delle migliori, e tutti gli altri dell’America First Policy Institute per il loro sostegno a questa iniziativa vitale.

 

Fin dall’inizio della nostra nazione, la libertà di parola è sempre stata intesa come un fondamento della nostra libertà, della libertà e della nostra forza. In America, riconosciamo che la libertà di dire quel che pensiamo e di esprimere la verità, che è il nostro cuore, davvero, è davvero una grossa fetta del nostro cuore, è davvero il cuore della nostra Nazione, non ci è concessa dal Governo, bensì ci viene dato da Dio, e nessuno dovrebbe avere il potere di toglierci questo diritto.

 

I Padri Fondatori hanno iscritto questo diritto proprio nel Primo Emendamento della nostra Costituzione perché sapevano che la libertà di parola è essenziale per la prevenzione, per prevenire l’orrore e per conservare la nostra Repubblica.

 

Ma ricordate le parole [della Costituzione], la prevenzione dell’orrore, perché siamo molto vicini a vederlo ora nel nostro Paese, non siamo mai stati in una posizione come questa ed è successo tutto molto rapidamente. Nelle parole del Padre del nostro Paese, anche se alcuni vorrebbero togliergli questo titolo, George Washington, non sarà cancellato.

 

Se la libertà di parola, se la libertà di parola può essere tolta allora, muti e silenziosi, possiamo essere condotti come pecore al macello, frase piuttosto nota e così vera. Purtroppo oggi questo diritto fondamentale e questa libertà americana fondamentale sono incredibilmente minacciati e attaccati da molte parti diverse. Ma noi siamo la parte maggioritaria di molto. Credo che siamo la parte maggioritaria molto più di quanto chiunque possa capire. Basta dare un’occhiata a quello che è successo nelle ultime elezioni e sommare i numeri giusti.

 

Vedrete una maggioranza come non credereste mai, perché nessuno può credere alle cose che si dicono. Nessuno ci crede. I social media hanno dato un potere straordinario a un gruppo di giganti della Big Tech che stanno lavorando con il governo, con i media mainstream e un con largo segmento di un partito politico per mettere a tacere e sopprimere le opinioni del popolo americano. E hanno avuto molto, molto successo in questo. Non in tutti i casi, ma in molti casi con pieno successo.

 

Mentre le aziende di social media sono ufficialmente entità private, negli ultimi anni, hanno cessato di essere private con la promulgazione e il loro uso della sezione 230 nel tempo, che le protegge profondamente dai rischi legali. Una volta ottenuta la sezione 230 non sono più state aziende private. Sono passati molti anni. Nessun’altra azienda nel nostro Paese, e nemmeno nella storia del nostro Paese, ha avuto una protezione come questa. In effetti, equivale a un massiccio sussidio governativo. Queste aziende sono state cooptate, costrette e armate dal governo.

 

E da parte di attori governativi per diventare gli esecutori della censura illegale, incostituzionale, e questo è ciò che è al più alto livello di censura e tante altre cose che forse sono anche peggiori. E lo vedrete in questa causa mentre si fa strada attraverso i tribunali. Abbiamo visto tutti i democratici al Congresso, tutti gli amministratori delegati di queste aziende davanti ai loro comitati, un tentativo di minacciarli, intimidirli come mai nessuno era stato intimidito. Ma hanno raggiunto un compromesso, e ora vanno tutti molto d’accordo.

 

Grazie mille.

 

Il Congresso ha ripetutamente e minacciosamente ordinato a Big Tech che deve mettere a tacere gli oppositori politici del partito Democratico, di bandire le voci conservatrici di spicco, e immaginate chi possa essere, e di limitare qualsiasi cosa che la sinistra etichetti come disinformazione, e è proprio la sinistra il più grande gruppo di disinformatori che sia mai esistito al mondo. Per esempio, proprio di recente, hanno cominciato a dire di non aver mai chiesto di de-finanziare la polizia, adesso dicono di voler sostenere la polizia finanziariamente. Hanno guardato i numeri dei sondaggi che sono all’85% contro di loro.

 

No, no, no. “Vogliamo, vogliamo occuparci della polizia” [dicono i Democratici]. No, non è così. Volevano togliere i soldi alla polizia, e lo diranno migliaia e migliaia e migliaia di volte. E alla fine dei 12 mesi, direte tutti: oh, amano la polizia. Non amano la polizia. In realtà odiano la polizia per qualsiasi motivo. Ed è una cosa terribile.

 

E tante altre cose, stanno cambiando le loro opinioni su tante altre cose. E dicono solo il contrario [di quello che hanno detto prima]. Semplicemente tutti all’unisono. Molte delle persone sedute davanti a me capiscono esattamente quello che sto dicendo. Lo dicono proprio davanti a voi che vogliono fare questo, vogliono fare quello. L’esatto opposto di quello che hanno detto prima, oppure, il caso molto forse più famoso di tutti, Russia, Russia, Russia.

 

Trump ama la Russia. Ama la Russia. Ama Putin. Ama la Russia. E questo è andato avanti per due anni e alcune persone ci hanno creduto. Ma guarderemo così da vicino e ci assicureremo che le protezioni dalla responsabilità legale di cui godono sotto la Sezione 230 siano, come minimo, cambiate e possano essere, al massimo, rimosse. La Corte Suprema ha reso estremamente chiaro che il Congresso non è autorizzato a costringere entità private a fare ciò che il Congresso fa e non gli è permesso farlo.

 

Semplicemente non ne hanno l’autorità legale. Non possono farlo. Fanno i prepotenti e costringono. Eppure questo è esattamente ciò che sta accadendo ogni singolo giorno. È una flagrante violazione della Costituzione che avviene sotto i nostri occhi. E odio dirlo, ma lo fanno anche con la Corte Suprema, fanno pressione sugli arbitri. Fanno pressione sugli arbitri. Parlano di ogni sorta di cose che intendono fare ai giudici della Corte Suprema. Li metteremo sotto impeachment, li metteremo sotto impeachment, li metteremo sotto impeachment.

 

E poi, ecco, all’improvviso, vengono fuori decisioni diverse [da quelle attese]. Oppure minacciano di ampliare la Corte ad un livello incredibile. Prenderanno la Corte e la amplieranno. Avranno 16 [giudici]. Ne avranno 20. Ho visto una dichiarazione l’altro giorno: “avremo 24 giudici”. E credo che qualcosa succeda, perché all’improvviso [dalla Corte] escono decisioni [inaspettate]. Fanno pressione sugli arbitri, fanno pressione sugli arbitri meglio di quanto Bobby Knight (famoso allenatore di basket) abbia mai fatto.

 

E non possiamo lasciare che questo accada e speriamo che i nostri giudici della Corte Suprema e altri giudici e magistrati, difendano i nostri valori e non lascino che questo accada. Inoltre, negli ultimi anni, abbiamo anche visto un crescente coordinamento tra i giganti di Big Tech e le agenzie governative come i Centers for Disease Control (centro per il controllo delle malattie), dove tante cose erano sbagliate, tante cose avrebbero potuto essere diverse, ma Big Tech ha scelto la parte sbagliata e ha bandito la parte giusta. Per esempio, la politica di YouTube vieta esplicitamente di contraddire le “autorità sanitarie”.

 

Conoscete le autorità sanitarie. Fortunatamente, le ho scavalcate un bel po’di volte. Abbiamo preso molte buone decisioni. Se non l’avessi fatto, saremmo stati in guai molto più grandi. Come vedete, altri Paesi in questo momento sono ancora in guai molto, molto grandi. Attraverso tale coordinamento, il Governo Federale ha essenzialmente nominato le piattaforme di social media come braccio di censura de facto del governo degli Stati Uniti, che è esattamente quello che è successo.

 

Questo è stato particolarmente chiaro durante la pandemia, quando i giganti dei social media hanno iniziato a censurare le informazioni, secondo le indicazioni della CDC, che, come ora sappiamo, erano molto spesso errate o sbagliate.

 

Questa particolare censura è un’altra palese violazione della Costituzione. Ci sono così tante violazioni della nostra Costituzione e lo vedrete nella causa, a cui si aggiungeranno anche [altri elementi] perché altre cose stanno accadendo su base giornaliera che saranno aggiunte man mano che andiamo avanti. Considerate solo alcune delle informazioni che sono state censurate in America nell’ultimo anno. Fino a poco tempo fa, Facebook aveva la politica di eliminare qualsiasi post che condividesse le prove che l’orribile virus fosse emerso dalla Cina. Hanno detto che non è emerso dal laboratorio cinese, Wuhan, ricordate, ho detto Wuhan ed è stato come se fosse scoppiata una bomba, Wuhan.

 

Veniva dal laboratorio di Wuhan. Naturalmente c’erano sacchi per cadaveri ammassati davanti al laboratorio. Nessuno ne parla mai. Mi chiedo perché? Hanno detto che è arrivato a migliaia di chilometri di distanza da un pipistrello o che veniva da un altro Paese. Hanno cercato d’incolpare l’Italia. Hanno cercato di incolpare noi. Ma hanno rinunciato a quella versione, anche quella era disinformazione. Ma poi alla fine è stato rivelato che molto probabilmente questa era la verità, che veniva dal laboratorio. Ed è stato pubblicato come un artitolo minuscolo, ma quando l’ho detto, è stato come se avesse sparato un’arma di grosso calibro.

 

Non userò la parola arma, perché non uso mai la parola nucleare, ma dobbiamo stare attenti alla nostra leadership, perché se non abbiamo una leadership adeguata, siamo in una condizione molto pericolosa. Quindi non usiamo la parola nucleare. Io non la uso mai, ok? Non la uso mai. Non l’ho mai detto. Questa si chiama disinformazione. Google e YouTube hanno cancellato innumerevoli video che hanno osato mettere in discussione il giudizio dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha sbagliato così spesso.

 

È stata una vera e propria macchina di propaganda per la Cina, come molti di voi sanno, definnendo quei video disinformazione, compresi i video che consistono in chiari fatti scientifici. Medici e gruppi medici sono stati banditi da queste piattaforme per aver postato notizie su famaci terapeutici come l’idrossi clorochina. Ah. Questo è un nome familiare. Che ora gli studi più recenti dicono essere efficace nel combattere il virus. Tre centesimi a pillola, le compagnie farmaceutiche non amano i tre centesimi a pillola.

 

Tre centesimi a pillola è quello che costa.

 

Ma recenti studi sono venuti fuori molto forte, a favore. Twitter ha censurato gli utenti semplicemente per aver usato il termine “illegal alien” (immigrato illegale). Che ha etichettato come contenuto odioso. E semplicemente disattivandovi per qualsiasi motivo. Dovete vedere la frase per cui mi hanno tolto l’accesso, è la frase più amorevole. È davvero incredibile. Avrebbero potuto fare di meglio perché ho detto molto di peggio. Non potevo credere che fosse quello il motivo. Diamo un’occhiata. Sapete esattamente di quale frase sto parlando.

 

È diventata molto famosa.

 

La gente dice: davvero? Anche l’altra parte ha detto: davvero? E naturalmente, non c’è prova migliore che Big Tech sia fuori controllo del fatto che hanno bandito il Presidente in carica degli Stati Uniti all’inizio di quest’anno. Un divieto che continua ancora oggi, continua. Quindi facciamo [comunque] girare la voce [anche senza i social media], ma non è una situazione equa. Molto, molto negativa per questo Paese, molto negativa per il mondo. Se possono farlo a me, possono farlo a chiunque, e infatti è esattamente quello che stanno facendo.

 

Stanno disattivando persone che non si rendono nemmeno conto di essere state disattivate. Non hanno idea del perché siano state disattivate. Ma quello che stanno facendo è incredibile e incredibilmente pericoloso. Si uniscono a noi questa mattina solo alcuni dei molti americani che sono stati illegalmente banditi o messi a tacere sotto il regime corrotto della censura. Questi coraggiosi patrioti sono inclusi nella causa e altre migliaia si stanno unendo mentre parliamo, altre migliaia. Tutti vogliono unirsi. Questa passerà alla storia, credo, la più grande class action mai presentata perché migliaia di persone vogliono unirsi.

 

Jen Horton è un’insegnante di Fenton, Michigan. All’inizio di quest’anno. È stata cacciata da Facebook per aver condiviso un post in cui si chiedeva se i bambini piccoli dovessero indossare maschere. Aveva una domanda, e presentava  entrambe le versioni [pro e contro] e in realtà non era un post negativo, citava solo  entrambe le versioni. Questo è stato abbastanza. Allo stesso tempo, mentre Jen veniva bloccata dalla piattaforma, suo fratello era scomparso e lei non era in grado di diffondere la notizia a nessuno dei suoi follower. Aveva molti follower.

 

Non poteva spargere la voce.

 

E Jen, voglio ringraziarti molto per essere qui e per esserti fatta avanti. Ci vuole molto coraggio. Vuoi salire a dire qualcosa, Jen? Dov’è Jen? Jen, prego. Grazie.

 

Apprezzo solo l’opportunità di essere qui con tutti questi incredibili patrioti. E la ringrazio, Presidente Trump, per tutto quello che sta facendo per noi.

 

Grazie mille, Jen. Lo apprezzo molto. Grazie Jen.

 

Dottoressa Kelly Victory. Adoro quel nome. Avrei scelto quel nome se avessi potuto scegliere. E’ una specialista di traumi e di emergenze certificata dal Colorado. Una persona fantastica. A cui è stato chiesto dal Pastore di una chiesa di preparare un video su come mitigare i rischi del virus cinese per consentire la ripresa sicura dei servizi in chiesa, solo una domanda. Potrebbe darci qualche informazione? Il video è stato scandalosamente rimosso da Facebook, Twitter e YouTube, con dichiarazioni orribili da parte loro.

 

Kelly, grazie per il tuo coraggio, di’ qualche parola, grazie. Facebook ha ritardato il volo. Il volo è ritardato di quattro ore, mi chiedo. Non posso crederci. È terribile. Che cosa sono disposti a fare. Va bene. Grazie ovunque tu sia. Eccola che atterra, sta andando a Newark, sta atterrando a Newark. Kiyan e Bobby Michael sono angel parents (genitori i cui figli sono vittime di immigrati illegali). Il loro prezioso figlio, Brandon, è stato ucciso a soli 21 anni da un clandestino due volte deportato e molto violento.

 

Ha causato una collisione molto fatale. Qualcosa che non sarebbe mai dovuto accadere. Da allora, hanno eroicamente lanciato la loro lotta profondamente personale per attirare l’attenzione sui pericoli dell’immigrazione illegale. Hanno aiutato a far passare il divieto della Florida sulle mortali città santuario, e sono davvero mortali, e continuano ad essere forti sostenitori della sicurezza dei confini e dell’applicazione delle leggi sull’immigrazione, ma sono stati crudelmente e ingiustamente banditi da Twitter. Volete dire qualche parola? Dove siete? Prego.

 

Kiyan Michael: Grazie, signor Presidente. La lotta contro la censura deve continuare. Noi ci siamo dentro. Non permetteremo che la nostra nazione venga messa a tacere. Siamo uniti e la ringraziamo, signor Presidente.

 

Grazie mille. Vedo qualcuno che si candiderà molto presto. È stato fantastico. Voglio ringraziarvi molto. E’ davvero fantastico. Quindi siamo in una battaglia. Siamo in una battaglia che vinceremo. Siamo in una battaglia che la gente vuole che affrontiamo. Così tante persone mi hanno detto: per favore, signore, faccia qualcosa per Big Tech. Gli faccia causa, signore, gli faccia causa. E me lo dicono da molto tempo, ma non c’è mai stato un momento migliore per farlo.

 

Un sondaggio pubblicato da Scott Rasmussen, molto rispettato, mostra che quasi due terzi degli americani credono che le aziende Big Tech dovrebbero essere obbligate a rispettare la garanzia del primo emendamento sulla libertà di parola. E penso che questi numeri siano bassi, molto bassi. Il sessantotto per cento degli americani crede che le aziende di social media dovrebbero dare la priorità al trattamento equo di ogni cittadino rispetto alla protezione di se stesse. Vogliono che le persone siano protette. Vogliono che le persone abbiano la loro voce e una maggioranza schiacciante crede che i giganti della tecnologia siano diventati troppo potenti.

 

Hanno superato il limite molte, molte volte e di gran lunga. Il diritto di libertà del popolo americano deve prevalere contro Big Tech e altre forze che cercano di distruggerlo. Attraverso questa causa, stiamo difendendo la democrazia americana, difendendo i diritti di libertà di parola di ogni americano, democratico, repubblicano, indipendente, chiunque esso sia. Questa causa è solo l’inizio. È una causa molto grande, con grandi avvocati. Vi farò sapere tra circa un anno, magari cambierò idea, ma non credo.

 

Hanno un’enorme storico di vittorie per buone cause. Porteremo anche questa battaglia nelle legislature statali, al Congresso e infine alle urne. E sarà molto popolare alle urne. Non smetterò mai di combattere per difendere i diritti costituzionali e le sacre libertà del popolo americano. Non mi fermerò mai. Ora chiederò a John Coale e Pam Bondi, due persone fantastiche che amano tanto il nostro Paese, di farsi avanti e discutere la causa.

 

E poi risponderemo a qualche domanda. Grazie mille.

 

John Coale: Salve. È più alto di me. Questa causa riguarda davvero la libertà di parola e ciò che è, è fondamentale che la libertà di parola dipenda da certe cose. Una è chi decide cosa è odio, chi decide cosa è disinformazione. Non è un paio di ragazzi in California. È sempre stata la Corte Suprema per oltre duecento anni. E direi che hanno fatto un ottimo lavoro. Noi stiamo, stiamo portando avanti questa causa, dimostreremo che sono attori governativi, quindi il Primo Emendamento si applica e pensiamo che saremo vittoriosi su questo.

 

Pensiamo di essere nella zona giusta, che è il sud della Florida. E dovete capire che non possiamo lasciare che questo accada perché, sapete, per tutti voi là fuori che siete democratici e liberali o qualunque cosa siate, sarete i prossimi. Ora tocca ai conservatori, ma come la storia ci mostra, si rivolgerà contro di voi forse tra cinque anni, forse tra tre mesi, forse tra 10 anni. Ma sarete i prossimi. Quindi esorterei le persone dall’altra parte del partito politico del Presidente Trump a unirsi a noi, perché non si può lasciare che continui.

 

E un’ultima cosa. La cosa più odiata da tutte le Corti Supreme nel corso degli anni si chiama restrizione preventiva. Significa che non si può parlare. Il Pentagon Papers è il caso famoso. Non potete farlo perché lo diciamo noi. Quindi la Corte Suprema odia questo. Pensano che sia il peggior tipo di censura che abbiamo. E quando questo signore non può andare avanti e dire quello che vuole dire, questa è una limitazione preventiva ogni minuto di ogni giorno fino a quando questa cosa non viene risolta.

 

Grazie.

 

Pam Bondi: E sono qui non come parte di quella grande squadra legale laggiù, ma sono molto orgoglioso di far parte del team che si occupa di contenziosi costituzionali all’interno di America First Policy. Quindi sono qui solo per spiegare alcune cose. E sapete cosa ha detto John? Si tratta della nostra Costituzione. Questo non è solo per i conservatori. Questo è per i nostri media. Questo è per tutti quelli che sono là fuori riguardo alla censura. Questo è per i democratici e anche per i progressisti la cui libertà di parola dovrebbe essere protetta dal Primo Emendamento.

 

Se vi ricordate, Tulsi Gabbard ha fatto causa. Vi ricordate che Tulsi Gabbard è stata censurata quando era in corsa per la presidenza? E così ha fatto causa. E, sapete, la gente dice che hanno l’immunità. Loro, cioè YouTube, Facebook, Twitter, sotto la Sezione 230. Beh, ecco dove è cambiato. La sezione 230 è nata nel 1996. Ed era una propaggine del Decency Act (Legge sulla decenza) per proteggere, in realtà per proteggere contro lo sfruttamento dei bambini online.

 

Ecco di cosa si trattava. Quindi torniamo al ’96. Quanti utenti c’erano allora? Probabilmente circa 20 milioni su AOL, giusto, Presidente? 1996. Ora cosa abbiamo? Facebook, Twitter? Abbiamo miliardi in tutto il mondo, quindi i tempi sono cambiati. Internet sta fiorendo, ma il Primo Emendamento deve ancora essere protetto. Nessuno poteva immaginare quello che stava per accadere con Internet nel nostro Paese ora con miliardi, miliardi di utenti in tutto il mondo.

 

Ecco perché questo è così importante. E quando Mark Zuckerberg e altri sono stati chiamati di fronte al Congresso e sono stati sottoposti a coercizione e interrogati da tutti questi membri del Congresso, poi c’è anche Mark Zuckerberg che scrive e-mail con il dottor Fauci su COVID. E infatti, molte delle loro e-mail che abbiamo ricevuto sono state censurate, non solo per la presenza di numeri di telefono, ma perché stavano scambiando segreti commerciali.Ecco com’è andata: una società privata sta comunicando con il Governo Federale e parti di questo sono state censurate.

 

Quindi questo li rende, non sono più immuni. Non sono più immuni. È stata coercizione, collusione, collaborazione, e non possono nascondersi dal Primo Emendamento. Ecco perché questo è molto, molto importante. Anche l’Oversight Board di Facebook (comitato di supervisione), che Mark Zuckerberg ha creato, l’Oversight Board ha risposto dicendo che c’erano problemi, c’erano problemi [nel bando di Trump], e mancava l’applicazione coerente degli standard a tutti i membri della comunità. Ecco perché questo è così importante per noi, per il nostro futuro, per tutti i partiti politici, per tutti gli esseri umani nel mondo.

 

Crediamo nel Primo Emendamento e America First Policy si batterà per difenderlo. Grazie.

Non stop fino alla meta finale

Trump ha subito chiarito che intende andare fino in fondo quindi non accetterà eventuali offerte di risarcimento preventivo.

Come team di attacco ha ingaggiato John Coale e il suo team, un avvocato che ha gestito cause importanti con centinaia di miliardi di danni.

Il punto chiave della causa è dimostrare che Big Tech non è composta solamente da aziende private, ma che ciascuna di essere svolge anche un ruolo governativo.

Negli Stati Uniti, la censura è infatti considerata tale solo quando viene attuata da un governo oppure da forze collegate al governo. Un’azienda privata può limitare la comunicazione a proprio piacimento all’interno della propria piattaforma esercitando la propria libertà di espressione.

In condizioni normali, spetta alla magistratura oppure alle leggi vigenti stabilire che cosa sia incitamento all’odio oppure alla violenza e che cosa sia considerato inaccettabile. Ma nel momento in cui i giganti di Big Tech hanno ricevuto protezione dal governo federale attraverso la Sezione 230 della legge sulla decenza online approvata nel 1996, sono diventati di fatto un’estensione del governo secondo la posizione di Trump e dei suoi legali. Di conseguenza devono garantire la libertà di espressione secondo il Primo Emendamento (articolo) della costituzione degli Stati Uniti.

Inoltre, Trump mette in evidenza come gli amministratori delegati di Facebook, Twitter e Google siano stati trascinati nel Congresso e sottoposti a interrogazioni e contestazioni fino a quando hanno capitolato offrendo la propria collaborazione al partito democratico.

Sono diventati parte integrante del sistema di censura governativo statunitense al servizio di vari dipartimenti, tra cui la Centers for Disease Control che ha gestito molto male la pandemia e che ha impedito il diffondersi di terapie preventive.

Descrive anche il sistema di propaganda oggi diffuso nel mondo dove informazioni false e spesso contrastanti con quelle diffuse poco prima, vengono ripetute alla nausea fino a che alla fine la gente ci crede per semplice effetto del martellamento continuo sui media tradizionali e sui social media.

Infine ricorda come, durante la pandemia, Big Tech abbia sposato le tesi spesso sbagliate della CDC (Centers for Disease Control – Centri per il controllo delle malattie) e di Anthony Fauci impedendo il diffondersi di notizie vitali su cure preventive efficaci, come ad esempio l’idrossiclorochina che è stata attaccata perché proposta come cura da Donald Trump e in seguito ha dimostrato la propria efficacia attraverso diversi studi.

Trump rimarca che il costo dell’idrossiclorochina è troppo basso per essere interessante per le case farmaceutiche che invece preferiscono vendere medicinali molto più costosi e molto meno efficaci, oppure i vaccini.

Si fa vanto di aver spesso scavalcato le cosiddette autorità sanitarie e dipinge uno scenario profondamente disfunzionale del governo degli Stati Uniti dove burocrati spesso incompetenti o compromessi hanno un potere maggiore rispetto a quello del presidente.

Riconferma il suo convincimento che il virus del COVID-19 abbia avuto origine nel laboratorio cinese della città di Wuhan e riporta la notizia inedita che dopo lo scoppio dell’epidemia c’erano sacchi per i cadaveri ammassati proprio all’esterno del laboratorio.

Nella prossima parte del video vedremo la parte domanda-risposta della conferenza.

Roberto Mazzoni

https://americafirstpolicy.com/latest/the-america-first-policy-institute-applauds-lawsuit-to-hold-big-tech-accountable/

https://nypost.com/2021/07/07/donald-trump-to-sue-mark-zuckerberg-jack-dorsey-report/

http://www.takeonbigtech.com/

https://en.wikipedia.org/wiki/Pentagon_Papers

https://www.hsgac.senate.gov/media/minority-media/portman-peters-blunt-klobuchar-release-bipartisan-report-investigating-january-6th-capitol-attack

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi essere informato ogni volta che ne esce uno nuovo, iscriviti alla nostra newsletter.

Inviando questo modulo, acconsenti alla ricezione di newsletter ed email di marketing da parte di Mazzoni News, 1652 Harvard St, Clearwater, FL, 33755, US, https://mazzoninews.com.

Puoi cancellare la tua iscrizione in qualsiasi momento cliccando sul link alla base delle email che riceverai da noi. Per informazioni su come gestiamo la privacy, per favore consulta la nostra privacy policy.


Commenti:

Possiamo fare informazione indipendente grazie al tuo sostegno. Se trovi utile il nostro lavoro, contribuisci a mantenerlo costante
Inserisci il tuo indirizzo di email qui sotto per sapere ogni volta che esce un video.

Inviando questo modulo, acconsenti alla ricezione di newsletter ed email di marketing da parte di Mazzoni News, 1652 Harvard St, Clearwater, FL, 33755, US, https://mazzoninews.com.

Puoi cancellare la tua iscrizione in qualsiasi momento cliccando sul link alla base delle email che riceverai da noi. Per informazioni su come gestiamo la privacy, per favore consulta la nostra privacy policy.


Video collegati

Lacrime amare per Google, Facebook e Twitter? - MN #110

I 5 gravi rischi di Big Tech – MN #102

Facebook fa parte della frode – MN #50

Perché Facebook è tuo nemico - MN #49